rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Salute

Apss, al nuovo direttore sarà richiesta anche esperienza nei piccoli comuni

"Richiederemo competenze in contesti territoriali con peculiarità specifiche" fa sapere l'assessore Segnana

Il nuovo direttore generale dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari dovrà avere anche "esperienze maturate in contesti territoriali con peculiarità specifiche come i comuni di piccole dimensioni e con bassa densità abitativa, ma con con picchi di assistiti legati alla stagionalità turistica".

La giunta provinciale ha approvato l'avviso di selezione per la nomina del nuovo dg dell'Apss: ora si attende la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale, e poi si aprirà la possibilità di presentare domanda. La procedura arriva dopo le dimissioni dell'ex direttore generale Pierpaolo Benetollo, cui è succeduto il facente funzioni Antonio Ferro.

"Lo scorso luglio, preso atto delle dimissioni del direttore generale in carica, abbiamo nominato il nuovo direttore facente funzioni, in attesa di avviare la procedura per la nomina di una figura. Fra le caratteristiche che verranno richieste nel processo di verifica del profili curriculari - spiega l'assessore provinciale alla salute Stefania Segnana -, accanto ai ruoli svolti e alla carriera professionale, vi sono anche le esperienze maturate in contesti territoriali con peculiarità specifiche come i comuni di piccole dimensioni e con bassa densità abitativa, ma con con picchi di assistiti legati alla stagionalità turistica". 

Con successivo provvedimento, la Giunta provinciale provvederà a costituire la Commissione provinciale di esperti: un membro sarà designato dalla Provincia, uno dall’Università degli Studi di Trento di riconosciuta competenza in ambito sanitario o dell’organizzazione sanitaria, e uno designato dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, la quale procederà per ciascun candidato alla valutazione per titoli e colloquio dell’esperienza maturata, dei titoli formativi e delle specifiche competenze possedute in relazione all’incarico di direttore generale da ricoprire.

La Commissione procederà alla valutazione dei candidati per titoli e colloquio, tenendo conto che il Direttore generale dovrà gestire i processi di evoluzione ed integrazione del sistema sanitario trentino anche alla luce delle nuove direttive in ordine alla riorganizzazione dell'Azienda sanitaria approvate lo scorso agosto, nonché attuare gli interventi del Pnrr di riferimento.

Al fine di verificare la coerenza dei profili curriculari presentati e delle esperienze maturate rispetto alle funzioni dell’incarico da conferire, la Commissione valuterà prioritariamente le competenze possedute nella gestione di processi di trasformazione strategica ed organizzativa, i ruoli di management svolti in diversi contesti aziendali con attivi rapporti anche con l’Università, lo sviluppo della carriera professionale, la dimensione delle strutture e i fattori produttivi gestiti negli ultimi dieci anni. A conclusione della selezione, la Commissione proporrà al presidente della Provincia una rosa di candidati, nell’ambito della quale verrà scelto il nominativo che presenti le caratteristiche maggiormente coerenti con l'incarico da ricoprire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apss, al nuovo direttore sarà richiesta anche esperienza nei piccoli comuni

TrentoToday è in caricamento