"Viva la Lega, viva la f...". La Commissione Pari Opportunità: "Che non si ripeta più"

"Auspichiamo che episodi di questo tipo non si ripetano in futuro, l'uso di un linguaggio corretto da parte di chi rappresenta le istituzioni è di particolare rilevanza"

Torta sessista, o quantomeno di cattivo gusto. Il caso arriva alla Commissione Pari Opportunità che richiama all'ordine e ribadisce "la necessità di utilizzare un linguaggio rispettoso verso tutte e tutti". Già perchè non si tratta di una festa goliardica, di un ritrovo privato, bensì della cena degli iscritti alla sezione della Lega della Val di Fiemme. 

Alla cena erano presenti il segretario provinciale della Lega Salvini nonchè assessore alla Cultura ed all'Istruzione Mirko Bisesti, ed i consiglieri Alessandro Savoi e Gianluca Cavada, il quale ha addirittura firmato un comunicato ufficiale, a nome del partito, sull'evento. Le foto sono state pubblicate su facebook e ben presto hanno fatto il giro del web.

Alessandro Savoi, poi, ha gettato benzina sul fuoco con commenti decisamente sopra le righe ai vari articoli comparsi su facebook, dando del "culattone" a chi commentava indignato la notizia. "Auspichiamo che in futuro non si ripetano episodi di questo tipo - avverte la Commissione - poiché una società basata sul rispetto e sul riconoscimento della dignità di tutte e di tutti è una società più compiutamente democratica e civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un tema, quello delle pagine private dei politici, che sono personaggi pubblici e rappresentanti delle istituzioni, che sta diventando sempre più caldo. "La responsabilità nella scelta delle modalità e dei contenuti comunicativi è di particolare rilevanza, soprattutto da parte di chi ricopre ruoli istituzionali" conclude la nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento