Valdastico: Smeraglia (IDV) scrive a Lupi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Smeraglia (IDV) <<Abbiamo solide motivazioni per essere contrari alla Valdastico A31 nord>>


Dati alla mano, caro ministro Lupi, siamo in grado di affermare con granitica
certezza che quest’opera per il Trentino non è di alcuna utilità e anzi rappresenta
un danno ambientale ed economico destinato a gravare sulle generazioni future
da evitare assolutamente. La Serenissima vuole ardentemente il rinnovo della
concessione BS-PD, autentica gallina dalle uova d’oro, e per poterlo fare deve
dimostrare di avere ancora dei lavori in corso, appunto, il completamento del
tratto Nord della PiRuBI. Guardando il piano finanziario della stessa Serenissima,
scopriamo che a fronte dei due miliardi per realizzarla, prevedono un incasso
di appena 74 milioni fino al 2026 per la durata della prima concessione, e 600
milioni fino al 2046 per la seconda. Un buco del genere per risparmiare 32 minuti
di strada? Certo! Perchè se andiamo a ben vedere in quello stesso periodo, fino
al 2046, contano di introitare ben 14 miliardi sul tratto BS-PD, caricando le tariffe
a chi transita in quel tratto, ovvero buona parte dell’attività produttiva del Nord-
est! Aggiungiamo poi che è previsto un tracciato di 40 km, di cui ben 30 in galleria
con enormi problemi per frane, laghi e falde acquifere, 4 in viadotto e 6 all’aperto,
consideriamo che quest’opera depotenzierebbe i miliardi spesi per il quadrante
Europa a Verona e l’interporto di Trento nord dove vengono caricati i container
per il trasporto su rotaia che invece ci vedremo transitare su gomma generando
un’ondata di traffico pesante e inquinamento supplementare a quello dell’A22 e che
sarebbe inoltre di ben scarso aiuto per la Valsugana, dopo tutto questo e molto altro
ci rendiamo conto che la Valdastico in realtà non porta sviluppo alcuno e serve
solo a rimpinguare le casse della società veneta, al prezzo della devastazione del
nostro territorio.

Torna su
TrentoToday è in caricamento