Giovedì, 16 Settembre 2021
Politica

La Lega chiede il taser, Ianeselli: «ne voglio prima parlare prima con la polizia locale» in arrivo unità cinofila e bodycam

L'eventuale introduzione del taser, con istituzione dei corsi, è un argomento che il sindaco Ianeselli vuole affrontare prima con il Corpo di polizia Locale, ma altre misure sono state prese o sono in fase di istituzione

Dopo la tragedia di Pilcante, ad Ala, i consiglieri leghisti di Trento hanno presentato una mozione dove impegnano il sindaco Franco Ianeselli a «predisporre l'utilizzo del taser per la polizia Locale di Trento, prevedendo, se necessario, una integrazione del regolamento di polizia Locale, tramite le commissioni competente». Il primo cittadino ha ricordato che è la sicurezza in centro storico è stata recentemente rafforzata e ha raccontato le prossime azioni.

«Del taser ne voglio prima parlare con la polizia locale» ha affermato il sindaco Ianeselli. «Al di là di questo, dopo quello che è avvenuto c'è una pattuglia armata della polizia Locale che gira per tutto il centro. Siccome si parla di eventi che possono diventare criminali, ma alla base c'è disagio sociale forte, c'è un lavoro tra la polizia Locale e l'unità di strada per un'attività di controllo e di monitoraggio, evidentemente anche di intervento e di repressione».

L'eventuale introduzione del taser, con istituzione dei corsi, è un argomento che il sindaco Ianeselli vuole affrontare prima con il Corpo di polizia Locale. «Inoltre» conclude il sindaco Ianeselli «è prevista l'istituzione di una unità cinofila e poi, entro fine anno, l'acquisto delle bodycam». L'impiego di quest'ultimo dispositivo inizia a diffondersi anche in Trentino, l'ultima zona a dotarsene è stata la Valsugana a inizio marzo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lega chiede il taser, Ianeselli: «ne voglio prima parlare prima con la polizia locale» in arrivo unità cinofila e bodycam

TrentoToday è in caricamento