Politica

Tampon tax: a Trento arriva la proposta di vendita degli assorbenti senza l'Iva

La città del Concilio come Firenze: depositata una mozione in consiglio comunale per vendere prodotti per l'igiene intima femminile a prezzi contenuti nelle Farmacie Comunali

Trento come Firenze, dalla parte delle donne. Almeno nelle intenzioni di otto consiglieri comunali della Città del Concilio che, prendendo spunto da quanto fatto a Firenze nelle scorse settimane, hanno presentato una mozione per togliere l'Iva sui prodotti per l'igiene intima femminile. Nelle scorse ore, infatti, la consigliera del Pd Filomena Chilà ha presentato una mozione, che sarà discussa nel corso della prossima seduta del consiglio comunale, per spingere l'amministrazione comunale di Trento a togliere l'Iva dagli assorbenti venduti nelle Farmacie Comunali. Ovvero nella società interamente pubblica ed intercomunale i cui sono i Comuni di Trento, Pergine, Riva del Garda, Lavis, Arco, Dro, Tenno, Volano, Pomarolo, Besenello e Rabbi. Se questa mozione dovesse passare, quindi, in tutte queste comunità sarebbero venduti assorbenti senza il rincaro dell'Iva. 

Uno stop alla cosiddetta “Tampon tax”, visto che su questi prodotti l'Iva è al 22% mentre come ha ricordato nel proprio documento la stessa Chilà “il tartufo invece non è considerato bene di lusso e quindi tassato con l'Iva al 5%”. Ma, ovviamente, i numeri sono ben diversi fra la consumazione annua di tartufi e l'utilizzo che tutte le donne del mondo fanno di questo genere di prodotti. «Considerato che in Italia si stima che ogni mese 21 milioni di donne acquistano prodotti sanitari per un totale di circa 2,6 miliardi di prodotti venduti – si scrive in questa mozione – il prezzo medio di una confezione di assorbenti è di 4 euro per una spesa annuale di circa 126 euro di cui 22,88 euro come imposta sul valore aggiunto. Atteso che una donna, dalla pubertà fino alla menopausa, si stima che affronti circa 520 cicli mestruali che durano in media 28 giorni e comportano 3-5 giorni di mestruazioni, prevedendo l'utilizzo in media di 4 assorbenti al giorno otteniamo un totale di 12 mila assorbenti nell'intero arco di vita ed una spesa complessiva di circa 1700 euro solamente per gli assorbenti». 

Su questo tema l'Italia insegue la Francia dove la tampon tax è al 5,5%, in Belgio si è passati al 21% mentre in Olanda al 6% ed in Germania al 7%. In Inghilterra, invece, i prodotti per l'igiene intima alle ragazze in difficoltà sono distribuiti gratuitamente. A Firenze nelle scorse settimane nelle Farmacie Comunali sono stati messi in vendita almeno fino al 31 marzo 2022 questi prodotti senza alcuna tassazione. 

Con questa mozione si punta a fare altrettanto, oltre a cercare di spingere e sollecitare la Provincia ed il Parlamento affinché un analogo provvedimento sia preso anche a livelli istituzionali più alti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tampon tax: a Trento arriva la proposta di vendita degli assorbenti senza l'Iva

TrentoToday è in caricamento