rotate-mobile
Politica

Dallapiccola in escandescenza in Consiglio: "è vietato sorridere?"

Parole al vetriolo durante il Consiglio. La risposta del presidente ha caricato ancora di più Dallapiccola e poi lo scontro si è spostato tra Marini e Kaswalder

Caos durante la seduta del Consiglio provinciale di martedì 9 novembre. Tra punti all'ordine del giorno, interrogazioni e richieste di spiegazioni sull'assenza di parte della maggioranza, il consigliere Michele Dallapiccola ha incalzato il presidente Wlater Kaswalder dopo aver ricevuto un richiamo. "Intervengo innanzitutto per fatto personale - ha affermato il consigliere Dallapiccola al microfono -. Lei, presidente, quando io mi sono prenotato, ha apostrofato il sottoscritto ricordandogli che deve mantenere serietà. Ho capito bene?". 

Il presidente ha risposto dicendo di averlo fatto dopo averlo visto sorridere con la consigliera Demagri. Questa risposta, però, ha caricato ancora di più Dallapiccola, che ha tuonato: "Ed è vietato sorridere? Mi spieghi bene, perché noi dobbiamo stare in quest'aula e mantenere la faccia di gesso o di cera? Perché certe volte, per esempio, ci sono delle situazioni in cui vorrei piangere eppure mi trattengo. Allora mi spieghi, noi dobbiamo governare i sentimenti in funzione di quello che ci indica lei?".

E poi un durissimo attacco al presidente Kawasalder. "Se siamo qui con questo 'impasse' è anche per il suo comportamento - ha affermato Dallapiccola -, perché piaccia o no alla maggioranza, neanche troppo indifferente, che le ha contestato di non essere stato capace per anni di essere parziale. Lei si è comportato in maniera drammaticamente politica e ha messo nell'imbarazzo l'intera provincia di Trento anche con le sue azioni. Vogliamo ricordare il licenziamento ingiusto del dipendente che ci sta trascinando in causa da anni e ha fatto dei danni, valuteremo se erariali o meno?".

Affondando infine il colpo, scatenando la reazione di altri consiglieri e assessori in aula. "Se vogliamo tirarle fuori tutte, signor presidente, stia attento che come parla lei, parlo anch'io" ha affermato Dallapiccola, anche riservando parole poco lusinghiere nei confronti di Kaswalder.

Subito dopo, lo scontro verbale si è spostato tra il consigliere Alex Marini che ha chiesto di intervenire su alcune affermazioni di Paccher e Kaswalder. Non è piaciuta a Marini la risposta del presidente in cui gli è stato negato l'intervento perché aveva già preso parola e, secondo il presidente, aveva sforato con i tempi . "Se vuole la faccio espellere dall'aula, se continua" ha affermato il presidente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dallapiccola in escandescenza in Consiglio: "è vietato sorridere?"

TrentoToday è in caricamento