Svastica sulla gamba, Marika Poletti nella bufera dopo la nomina a Capo gabinetto

Ex coordinatrice di Fratelli d'Italia, ora passata a Civica Trentina, Marika Poletti ha una svastica sul polpaccio. La cosa era nota ma il caso è esploso nuovamente dopo la nomina in assessorato

Marika Poletti, ex coordinatrice di Fratelli d'Italia passata con Civica Trentina allla vigilia delle elezioni, entra "a gamba tesa" nelle istituzioni dopo la nomina a Capo di gabinetto da parte dell'assessore, e compagno di partito, Mattia Gottardi. Il problema è che su quella "gamba tesa" è impresso il simbolo più inquietante per eccellenza: la svastica.

Non solo tatoo: Poletti canta la canzone sulle SS, guarda il video

Non è la prima volta che la cosa finisce sui giornali, e non sarà l'ultima dato che Poletti non sembra voler rinunciare alla politica (dopo un passato tra i giovani di Forza Italia, poi Fratelli, ora con la più moderata Civica Trentina; sul corpo ha anche tatuata un'aquila di San Venceslao, simbolo del Trentino, ed una citazione di Julius Evola). Tra l'altro era già stata segnalata da facebook per aver postato una foto con la croce celtica. Alla svastica però non può rinunciare, visto che è impressa sul suo polpaccio destro. 

Poletti si è sempre difesa dicendo che si tratta di una runa, ovvero di una lettera dell'alfabeti runico usato dalle popolazioni germaniche prima della colonizzazione latina (sulla pagina di wikipedia dedicata alle rube non c'è però traccia della svastica, semmai indicata come simbolo religioso comune a molte culture dell'Europa e dell'Asia centrale). A sollevare il caso questa volta è stato Alessandro Giacomini, già noto come guida dei Laici Trentini, ora semplicemente "un preoccupato cittadino trentino", questa la firma usata nel comunicato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il contesto socio politico Trentino con il suo indiscutibile cambiamento alle recenti elezioni provinciali e il suo assessorato hanno un estremo bisogno di delicatezza, di educazione o per meglio dire di eleganza, non certo di sostituire ufficialmente la nostra cara aquila fiammante con la provocatoria svastica del suo capo di gabinetto" scrive Giacomini rivolgendosi al neo-assessore Gottardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

  • Tenna, incidente mortale in tarda serata: la vittima è Luca Maurina

  • Coronavirus e Dpcm: una via trentina per scuola e ristorazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento