rotate-mobile
Politica Centro storico / Piazza Dante

La replica di Baratter: "Soldi agli Schützen? Li spendo sul territorio"

"C'è chi si tiene i soldi, io li spendo sul e per il territorio" si difende così, su facebook, il capogruppo del Patt accusato di aver firmato un accordo pre-elettorale con gli S chuetzen

Tanto rumore per nulla: è intitolato così il post pubblicato poco fa dal consigliere provinciale del Patt Lorenzo Barattter, che su facebook risponde alla bufera di polemiche scatenata da un suo presunto accordo pre-elettorale con i cappelli piumati, ecco il testo:

Ho preso atto con un certo stupore del nuovo tentativo di delegittimazione della mia persona.
In passato si era detto che avevo utilizzato, senza alcuna attenzione alle regole, più di 5 milioni di euro di soldi pubblici trentini per finanziare la mia campagna elettorale e l’autore è stato condannato in via definitiva per diffamazione aggravata. 
Oggi il pretesto è il mio impegno a versare un contributo volontario alla Federazione degli Schützen in caso di elezione nel consiglio provinciale: c’è chi sceglie di tenersi i propri soldi e chi invece sceglie di spenderli sul e per il territorio.

AGGIORNAMENTO: Baratter prosciolto, Corona e Dalprà assolti. La Corte d'Appello: "Non ci fu corruzione elettorale"

L’impegno al versamento, che ho voluto formalizzare per trasparenza, si colloca evidentemente nel solco del mio impegno a favore dei valori condivisi: interesserà forse che ho ad esempio curato nel 2012 l’Almanacco degli Schützen e che ho fatto numerose conferenze con e per gli Schützen. Non ho quindi alcuna difficoltà a confermare che mi sono fatto carico di rappresentare le istanze della tradizione culturale degli Schützen, certo di avere la vicinanza di molti dentro quel mondo, oltre a quella di coloro che senza demagogie e revanscismi portano avanti l'idea di una riscoperta di tutta la nostra storia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La replica di Baratter: "Soldi agli Schützen? Li spendo sul territorio"

TrentoToday è in caricamento