rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica Gardolo

Disordini a Gardolo, Fratelli d'Italia chiede un posto fisso delle forze dell'ordine

Il consigliere Demattè pubblica le immagini di una rissa scoppiata venerdì sera: "È il far west"

Il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia a Trento torna all'attacco sul fronte della sicurezza. Gli occhi dell'opposizione sono puntati in particolare sulla zona di Gardolo, dove nella serata di venerdì è scoppiata una rissa fuori da un locale.

"È un far west. Per l’ennesima volta, la tranquillità di un quartiere cittadino è stata stravolta da un gruppo di facinorosi. Inseguimenti in macchina, calci, pugni, ripetuti tentativi di investimento e lanci di cassonetti delle immondizie in mezzo alla strada, hanno contribuito a creare un clima da set cinematografico più che da tranquillo sobborgo cittadino, tutto in un orario dove i cittadini hanno rischiato di essere coinvolti e di subirne le conseguenze" scrive Fd'I in una nota.

Il gruppo poi va all'attacco del sindaco Ianeselli, parlando di una situazione "che sta degenerando ogni giurno di più. Urge - continua la nota di Fratelli d'Italia - l’intensificazione dei controlli sul territorio circoscrizionale di Gardolo da parte delle forze dell’ordine, specialmente nelle ore serali e notturne. Chiediamo che l’amministrazione valuti la possibilità di istituire a Gardolo un presidio fisso interforze, in accordo con tutte le forze dell’ordine, garantendo così un pattugliamento costante delle zone più a rischio del quartiere".

Alla nota si aggiungono anche le considerazioni del consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Daniele Demattè, secondo cui Gardolo avrebbe fatto "non uno, ma dieci passi indietro a livello di vivibilità".

Il video

Le immagini sono state pubblicate sul profilo Facebook di Daniele Demattè, consigliere comunale a Trento per Fratelli d'Italia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini a Gardolo, Fratelli d'Italia chiede un posto fisso delle forze dell'ordine

TrentoToday è in caricamento