menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Senato: l'ex presidente Napolitano entra nel Gruppo per le Autonomie

L'ex presidente della Repubblica Giorgio Napoletano siederà in Senato nel Gruppo per le Autonomie insieme ai senatori di Patt, Upt ed Svp. La scelta segue quella di altri due senatori a vita, Giulio Andreotti ed Emilio Colombo, che nel 2013 si iscrissero al gruppo fondato all'inizio della XVII legislatura. Altri senatori a vita attualmente nel gruppo sono Carlo Rubbia ed Elena cattaneo.

"L'entrata del Presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel nostro gruppo sarà per noi un grande onore e motivo di grande orgoglio - ha commentato il senatore Vittorio Fravezzi (Upt), vicepresidente del gruppo guidato dall'altoatesino Karl Zeller - Napolitano è stato un grande Presidente della Repubblica ed ha saputo guidare con saggezza e determinazione questo Paese in un momento difficilissimo. Napolitano è un convinto europeista ed è sempre stato un grande amico delle Autonomie Speciali. L'ingresso di un uomo di questa levatura é un fatto di grande prestigio e ci responsabilizzerà di più nel nostro operato quotidiano".

Napolitano è chiamato, insieme ai cosiddetti grandi elettori, a partecipare alle elezioni del suo successore che prenderanno il via il 29 gennaio. Nel frattempo anche il Trentino Alto Adige deve scegliere i suoi grandi elettori, due della maggioranza ed uno delle opposizioni: dopo il rifiuto della nomina da parte di Bruno Dorigatti per la maggioranza in consiglio regionale sono stati fatti i nomi di Chiara Avanzo (Patt) e Thomas Widmann (Svp) rispettivamente presidente e vicepresidente del Consiglio regionale. Una proposta che il presidente della Provincia di Trento, e della regione, Ugo Rossi ha subito definito "poco discutibile" dichiarando che "la maggioranza la approverà sicuramente". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento