Le sardine anti-Salvini arrivano anche a Trento, nei sondaggi sono al 43,6%

Dopo Bologna la protesta dilaga, e Trento non fa eccezione. Il movimento ha anche scritto un manifesto

Le "sardine" anti-Salvini a Modena

Le "sardine" arrivano anche a Trento: la protesta anti-leghista nata a Bologna, dove con pochissimi giorni di preavviso si sono radunate in piazza 12.000 persone, sta dilagando in tutta Italia. Dopo la piazza, piena, nella vicina Modena gruppi di "sardine" sono nati a Reggio Emilia, Rimini, ma anche Firenze, Torino, Milano, e promettono di scendere in piazza contro la Lega ed il suo leader.

Moranduzzo (Lega): "Sono i soliti della sinistra"

Trento non fa eccezione: il gruppo Facebook in poche ore ha supeato i 2.500 iscritti. Da vedere, ora, se la protesta si concretizzerà in una manifestazione di piazza. E' evidente che il fenomeno è diventato "virale", per usare una parola spesso riferita al web ma che in questo caso descrive un fenomeno reale. Reale come la piazza che, anche a Trento, potrebbe accogliere i manifestanti "stretti come sardine": lo abbiamo chiesto a Lorenzo, uno dei portavoce del movimento in Trentino. 

Sardine: il nemico numero uno della Lega

Addirittura secondo gli ultimi sondaggi di Index Research le "sardine" sarebbero il nemico numero uno di Salvini, cioè: se fossero un partito avrebbero il 43,6% delle preferenze. Com'è noto la protesta nasce dall'idea di quattro amici trentenni, che hanno voluto portare in piazza il dissenso di Bologna in contemporanea al comizio di Matteo Salvini di qualche giorno fa: "Volevamo dare un messaggio: staremo stretti come le sardine, perché saremo in tanti”.  Ora il movimento ha scritto un manifesto con 10 punti, per permettere a tutti i gruppi di identificarsi con una linea politica. "Cari populisti, la festa è finita - si legge - per troppo tempo avete tirato la corda dei nostri sentimenti, l'avete tesa troppo ed ora si è spezzata". 

Chi sono le sardine?

"Le sardine - si legge sull'omonima pagina Facebook - non odiano nessuno, si oppongono e contrastano la cultura dell'odio e la paura dell'altro e con questo spirito affronteranno le prossime piazze e le prossime iniziative". Il simbolo, come per Bologna e Modena, quello delle sardine, sia perché ci si aspetta di essere in tanti e quindi di doversi stringere come le proverbiali sardine nelle scatole di latta sia perché l'immagine vuole essere quella di un grande insieme di individui silenziosi e comatti coe un banco di pesci di fronte agli "squali" dela politica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sardine: manifestazione anche a Trento?

Il gruppo delle sardine è stato creato da Mattia Santori, 32 anni, insieme a tre amici coetanei in occasione del comizio di Matteo Salvini di giovedì 14 novembre a Bologna: l'obiettivo iniziale era di portare in piazza un numero di contestatori pari a quello dei partecipanti all'evento della Lega. La realtà ha però superato le aspettative perché sono scese a protestare circa 15mila persone. Ora il fenomeno dilaga in tutta Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Frontale in galleria: muore un ragazzino di 11 anni

  • Incidente in A22, si schianta contro un camion e rimane incastrato sotto il rimorchio: morto 38enne

Torna su
TrentoToday è in caricamento