Referendum: ANPI schierata, ma la sezione trentina si defila

I presidenti di Anpi Trentino e Alto Adige scrivono al presidente nazionale: "Ostracismo paradossale, a Roma il 25 novembre non ci saremo"

L'Associazione Nazionale Partigiani, presente a Roma il 25 novembre prossimo per la chiusura della campagna per il 'no' al referendum, dovrà fare a meno della sezione trentina, almeno in forma ufficiale. I presidenti dell'Anpi del Trentino Alto Adige, Sandro Schmid e Orfeo Donatini, comunicano la decisione al  presidente nazionale in una lettera aperta, pubblicata poco fa su facebook.

Nè col sì, nè col no, spiegano i due, invocando la libertà di coscienza dei propri iscritti: "massimo rispetto per le decisioni assunte democraticamente riguardo il NO ma analogo rispetto per ogni posizione di dissenso o di libertà di coscienza dei nostri iscritti che, in senso opposto, si esprimono, anche pubblicamente, per il SI’. Tanto più che, al di là delle nostre intenzioni, più che sul merito della riforma lo scontro si presenta sempre più come una battaglia pro o contro l’attuale leader del Governo e le relative conseguenze politiche".

"Sarebbe del resto paradossale - continua la lettera - che un’Associazione come la nostra, erede della lotta contro ogni forma di dittatura e per assicurare democrazia e libertà al nostro Paese, tollerasse, anche indirettamente, al proprio interno, forme di censura e ostracismo come purtroppo abbiamo potuto notare in alcuni ambiti territoriali, comprese, di fatto e anche se non volute, inammissibili contiguità con l’estrema destra in occasione di manifestazioni di piazza per il NO.  Abbiamo preso atto delle pertinenti prese di posizione dell’Anpi Nazionale, ma siamo preoccupati dell’emergere di pericolose intolleranze anziché l’esigenza di un sereno e costruttivo dibattito nel rispetto delle reciproche convinzioni politiche di merito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento