menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rossi vince le primarie del centrosinistra, nel Pd è resa dei conti

Scarso sostegno a Olivi sul territorio, fredde Trento e Rovereto, i consueti bacini urbani di voti democratici. Queste sarebbero le ragioni della sconfitta del candidato di continuità con Dellai. A vincere Ugo Rossi

Possibile una resa dei conti interna, nel PD, nei prossimi giorni, dopo il risultato disastroso (per i democratici convinti che l'avrebbero spuntata facilmente) uscito dalle primarie di coalizione. Roberto Pinter, presidente del partito, e Michele Nicoletti (segretario-onorevole) riconoscono la sconfitta e si dicono amareggiati per lo scarso impegno di qualche amministratore pubblico targato Pd. Scarso sostegno a Olivi sul territorio, fredde Trento e Rovereto, i consueti bacini urbani di voti democratici. Queste sarebbero le ragioni della sconfitta di Olivi, candidato di continuità con Dellai. Ma la vittoria è andata, anche se per pochi punti, all'autonomista Ugo Rossi, che chiede ora la collaborazione dei partiti del centrosinistra autonomista per la corsa alla presidenza in ottobre. Il Pd, intanto, si appresta ad avviare una fase di riflessione interna, a cominciare dal mancato risultato a Trento e a Rovereto, dove la partecipazione è stata molto bassa, tanto da costringere gli organizzatori delle primarie a portare un gazebo "in corsa" in piazza Dante per cercare di intercettare qualche voto in più. "Sappiamo che la strada per le elezioni provinciali è ancora lunga, e questo risultato dà speranza non solo a me ma soprattutto a tutta la coalizione del centrosinistra autonomista, e ci spinge a lavorare tutti assieme da subito perché l’appuntamento di ottobre non è affatto scontato", ha scritto Rossi sul suo sito all'indomani del risultato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento