Monitoraggio polveri all'acciaieria di Borgo. Degasperi: "Che fine hanno fatto i deposimetri?"

Promessi, anzi richiesti, tra gli altri anche dal sindaco, non sono mai stati installati: i deposimetri permetterebbero di tracciare le polveri dell'acciaieria per verificarne la presenza nella valle

Che fine hanno fatto i deposimetri all'acciaieria di Borgo Valsugana? L'installazione dei dispositivi per controllare le polveri emesse dall'impianto era stata annunnciata all'indomani della ripresa delle attività, nel settembrre 2017. "Ad oggi queste modalità di monitoraggio ambientale non risultano ancorra attivate" scrive il consigliere provinciale del Movimento Cinque Stelle Filippo Degasperi, che sull'argomento ha depositato un'interrogazione.

"I deposimetri sono stati espressamente richiesti in occasione del riesame dell'autorizzazione integrata ambientale, sia da parte del sindaco di Borgo che dalle associazioni - prosegue il consigliere - tuttavia nemmeno il principio di combustione verificatosi all'acciaieria l'8 febbraio scorso con il coinvolgimento dell'area del parco rottami e a causa della quale si è alzata una densa colonna di fumo, ha spinto Appa ad installare i deposimetri. Si tratta di apparecchi  che permetterebbero di stabilire l'impronta digitale delle polveri e di verificarne successivamente la presenza in diverse zone della valle".  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente, motociclista morto, due feriti e veicoli carbonizzati a Nomi

  • Un rombo fortissimo, aerei da guerra sopra Trento: ecco perchè

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

Torna su
TrentoToday è in caricamento