rotate-mobile
Politica Centro storico / Via Torre Verde

Pd, l'ipotesi Filippi già scricchiola

La renziana, indicata da Giulia Robol per la segreteria del partito fino al 2018, sonda le intenzioni di voto dell'assemblea. Rispunta l'ipotesi di un traghettatore come il senatore Tonini affiancato dai rappresentanti delle mozioni Robol e Scalfi

E' un percorso tortuoso, tutto in salita quello del Pd trentino verso le elezioni comunali di maggio. Elisa Filippi, renziana della prima ora vincitrice delle primarie, poi finita in minoranza ed ora indicata dalla segretaria Giulia Robol come guida per il partito, ora si scontra con i malumori interni al partito. Non è scontata l'approvazione dell'assemblea del suo mandato (occorrono i due terzi dei consensi). Dorigatti e Manica preferirebbero un traghettatore come il senatore Giorgio Tonini affiancato dai rappresentanti delle mozioni Robol e Scalfi fino ad un nuovo congresso autunnale. Lunedì prossimo è in programma una nuova riunione dell'assemblea del partito

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd, l'ipotesi Filippi già scricchiola

TrentoToday è in caricamento