menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preferenza di genere "uccisa" dagli emendamenti, ritirata la proposta di legge

Dopo rinvii, ostruzionismo ed accuse di tradimento interne alla maggioranza la legge è definitivamente morta. Dorigatti ha chiuso la seduta alle 17.30 dopo due giorni spesi nell'ennesima discussione

Ritirata la legge sulla parità di genere, frutto di due distinti disegni di legge, il presidente del Consiglio provinciale Dorigatti ha dichiarato chiusa la seduta alle 17.30 del pomeriggio di oggi. La legge è stata letteralmente uccisa dagli oltre 5000 emendamenti depositati dalle minoranze di ogni colore. Una vicenda che ha diviso il Consiglio, ed anche la maggioranza stessa, un percorso paradossalmente nato da una condivisione di obiettivi tra la consigliera del PD Lucia Maestri ed il collega di Forza Italia Giacomo Bezzi. Entrambi, alla fine, hanno ritirato la proposta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento