Orsi e lupi, Fugatti scrive al Ministro: "Si apra una nuova fase, la dissuasione non basta"

Terza lettera al Ministro dell'Ambiente: "M49 esemplare problematico, nonostante misure di prevenzione e dissuasione"

Una gestione diversa dei cosiddetti "grandi carnivori", ovvero lupo ed orso, in Trentino. E' facile immaginare il tipo di richieste contenute nella lettera iviata dal Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti al Ministro dell'Ambiente Sergio Costa, "al fine di far evolvere ulteriormente l'approccio gestionale dei grandi carnivori e di fornire risposte efficaci e tempestive alle popolazioni locali interessate" come si legge in una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sia per i lupi della Val di Fassa che per l'orso M49, protagonista di incursioni nelle stalle in Val Rendena, il presidente Fugatti ha scritto due volte in passato al Ministro chiedendo la possibilità di una "captazione". Anche in questo caso la nota della Provincia riferisce che, relativamente all'orso M49, "nonostante tutte le attività di prevenzione e di dissuasione messe in campo, continua a manifestare un comportamento fortemente problematico". Le misure di prevenzione e dissuasione, insomma, non funzionano più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento