L'orso M49 è entrato ed uscito più volte dalla trappola

Risposta dell'assessore Zanotelli al consigliere Degasperi, che ora chiede le dimissioni: "Dilettanti allo sbaraglio"

L'orso M49 è entrato nella trappola a tubo, ma questa non è scattata. E' successo non una, ma più volte, in diverse zone della valle del Vanoi, nel gruppo del Lagorai. Quanto ipotizzato dal consigliere del Movimento 5 Stelle (ora in quota Onda Civica) Filippo Degasperi, sulla base di testimonianze dirette, è stato ora confermato dall'assessora alle Foreste Giulia Zanotelli.

L'ennesimo capitolo dell'infinita saga di M49, il fuggitivo "Pappillon" che per un'estate tenne banco sulla stampa nazionale e sui social network, arriva dalla risposta dell'assessora ad un'interrogazione del consigliere pentastellato, che ora ne chiede le dimissioni per "totale inadeguatezza". 

Sempre secondo la fonte citata da Degasperi (una persona "coinvolta nelle operazioni") la Provincia starebbe aspettando la primavera per una definitiva cattura dell'orso ovviamente, dicono le malelingue, in chiave elettorale. Insomma, orsi e lupi, conclude Degasperi, "vengono usati come trofei per la propaganda passata, presente e futura, mentre il Governo dorme". Il messaggio è rivolto, ancora una volta, a Sergio Costa, ministro all'Ambiente dello scorso e dell'attuale Governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento