menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo regolamento appalti: "Boccata d'ossigeno per le imprese"

"Il nuovo regolamento - ha detto l'assessore ai lavori pubblici Alberto Pacher- dovrebbe sbloccare la situazione presso molti Comuni, in particolare per quanto riguarda gli appalti sotto il milione di euro"

La speranza è quella di dare una "boccata di ossigeno" alle imprese edili trentine, in affanno a causa della crisi (il 20% dei lavoratori del comparto è senza lavoro). Per questo la prossima settimana dovrebbe essere approvato il regolamento di attuazione della legge provinciale sui lavori pubblici (al vaglio della Commissione legislativa competente) per poi approdare in Consiglio provinciale per il via libera definitivo. "Il nuovo regolamento, condiviso dal Tavolo appalti - ha detto l'assessore ai lavori pubblici Alberto Pacher- dovrebbe sbloccare la situazione presso molti Comuni, in particolare per quanto riguarda gli appalti sotto il milione di euro, come discusso nelle scorse settimane in alcune Comunità. Questo, ci auguriamo, porterà una grossa boccata di ossigeno alle imprese edili del Trentino, specie quelle più piccole".

Sono un migliaio i lavoratori oggi in mobilità, sottolineano i sindacati, e i segnali che arrivano non sono incoraggianti. Da qui alla necessità di trovare anche meccanismi di tutela sia per i lavoratori che hanno già perso il posto di lavoro sia per quelli che rischiano di perderlo in futuro. Auspicata inoltre una ampia condivisione sulle iniziative da intraprendere da parte di tutte le parti sociali e l'adozione di meccanismi di politica industriale omogenei, che premino le aziende che operano correttamente e che investono in innovazione, formazione, sicurezza. Serve insomma, secondo le categorie, un percorso condiviso, nel corso del quale si possano sperimentare anche soluzioni innovative rispetto al panorama nazionale, che valorizzino le filiere specializzate del Trentino, in particolare sul versante dell'edilizia sostenibile.
 
"Sono in corso anche altre manovre - ha concluso Pacher -  nella consapevolezza però che la mano pubblica non può fare tutto. Fino ad oggi sono stati fatti tutti gli sforzi possibili, e altri ne faremo, specie sul versante della fluidificazione burocratica, lavorando di concerto con le amministrazioni comunali".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Attualità

L'estate 2021 tra distanziamento e mascherine: come sarà

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cucciolo di orso trovato morto sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento