Sopralluogo dei 5 Stelle in Bondone: "Spazi pubblici abbandonati e hotel vuoti"

I consiglieri Bottamedi e Degasperi denunciano: "Non serve più un euro di contributi, ci sono spazi da riutilizzare cone i Padiglioni di Candriai, o sottoutilizzati come le Caserme delle Viote".

"Non serve più nemmeno un euro di contributi pubblici per il Bondone, ci sono tantissimi spazi da recuperare. Alberto Pacher ha ricordato in Consiglio a maggio 2013 che nella Finanziaria 2013 ci sono una serie di interventi a favore dell’imprenditorialità giovanile perché possa utilizzare immobili pubblici oggi disponibili. Il Movimento 5 Stelle in Consiglio vigilerà e farà proposte concrete in questo senso". E' quanto comunicano i consiglieri provinciali Bottamedi e Degasperi dopo un sopralluogo sul Bondone dove strutture pubbliche, come i "Padiglioni" di Candriai, e private sono abbandonate da anni al degrado nonostante vari tentativi di "rilancio" della montagna di Trento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Lavoratori dalla Romania, la Giunta scrive a Roma: ipotesi "quarantena attiva"

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Via Belenzani "bombardata": ecco le foto (ed il motivo)

  • Cristiana Capotondi a Trento: sarà Chiara Lubich

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento