menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lupo in val di Peio: 7 esemplari di cervi predati dal 25 marzo scorso

Risulta oggi imputabile a danno da lupo la predazione complessiva di 3 agnelli, 1 pecora ed 1 capra. Ciò ha dato luogo a tre denunce di danno (2 a Peio e 1 a Rabbi) e 2 richieste di indennizzo (1 a Peio e 1 a Rabbi)

"Ad oggi sono stati rinvenuti 7 cervi predati in val di Peio, a partire dal 25 marzo): le modalità di predazione riscontrate fanno rintenere con buona probabilità che sia stato il lupo ad agire; si è attesa una conferma della genetica per avere la certezza assoluta". L'assessore provinciale Michele Dallapicola risponde ad un interrogazione della Lega Nord, firmata da Maurizio Fugatti, elencando i dati più recenti relativi alla presenza del lupo in valle di Peio. In particolare, si legge, "risulta oggi imputabile a danno da lupo, inquanto gli interessati hanno proceduto alla denuncia per chiedere l'indennizzo, la predazione complessiva di 3 agnelli, 1 pecora ed 1 capra. Ciò ha dato luogo a tre denunce di danno (2 a Peio e 1 a Rabbi) e 2 richieste di indennizzo (1 a Peio e 1 a Rabbi). Entrambe queste ultime sono state accolte con indennizzo non inferiore alla quantificazione effettuata dal danneggiamento. Nel terzo caso non è ancora pervenuta la richiesta (danno del 20 maggio 2017)". 

Fugatti aveva sollevato, nella sua interrogazione, le preoccupazioni espresse da parte degli allevatori, che - risponde ancora Dallapiccola, "sono comprensibili", ma da parte dell'amministrazione, "le indicazioni non possono che essere la messa a disposizione del personale, dei materiali, delle conoscenze e delle informazioni utili a gestire nel migliore dei modi una presenza che, stante la normativa attuale, va gestita cercando di contemperare la presenza di un carnivoro con quella dell'uomo che in montagna vive e lavora, alla ricerca di un equilibrio in particolare con le attività zootecniche".

Dallapiccola ricorda quindi che "è stato attivato tempestivamente un monitoraggio dei lupi attraverso la genetica ed altri sistemi, è stata prontamente adeguata la normativa provinciale per la prevenzione e l'indennizzo dei danni, aggiungendo il lupo tra le specie i cui danni sono indennizzati nella misura del 100%". L'assessore sottolinea quindi che "è stata avviata una campagna di informazione che si articola in serate pubbliche dove si parla del ritorno del lupo a partire dalle aree dove esso è presente. Sono stati elaborati e distribuiti un opuscolo ad hoc ed un depliant. Ogni informazione è inoltre costantemente pubblicizzata sui Rapporti orso nell'appenedice 'lupo'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento