Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Fugatti in bicicletta anziché in consiglio regionale, la protesta di Luca Zeni

Con ironia il consigliere provinciale del PD ha sottolineato l'assenza del numero uno della Provincia in consiglio regionale, in una seduta molto importante come quella per l'elezione del nuovo presidente

Non è andata giù a Luca Zeni, consigliere provinciale del Partito Democratico, l'assenza del presidente della Provincia Maurizio Fugatti nella votazione per l'elezione del nuovo presidente del consiglio regionale. Un'assenza non motivata da impegni istituzionali bensì dalla volontà di seguire da vicino il Giro d'Italia, presente in questa due giorni in Trentino, arrivando anch'egli a Sega di Ala sulle due ruote. Un malessere che Luca Zeni ha espresso in un post su Facebook, nel quale si è scagliato contro Fugatti e l'assenza del numero legale anche a causa delle assenze nella maggioranza. 

Di seguito il testo integrale del post di Luca Zeni.

Sono un vecchio ciclista. Oggi mi sarebbe piaciuto molto salire a Sega di Ala per l’arrivo di tappa al giro. Magari sfidando Fugatti.. a naso credo che sarei arrivato in cima per primo, io con la bici tradizionale e lui con quella a motore..
Però ero in Consiglio regionale, in una seduta tesa e istituzionalmente importante, quella di metà legislatura, che per lo Statuto di autonomia doveva eleggere il nuovo Presidente del Consiglio.
Come minoranze abbiamo sollevato la questione di sostituire come componente dell’ufficio di presidenza il consigliere Savoi, per la sua condotta non dignitosa.
Di fronte alla totale indifferenza della maggioranza, non abbiamo partecipato al voto.
Ma il numero legale è saltato anche per le assenze in maggioranza, a partire da quella del Presidente Fugatti, che ha preferito farsi un giro in bici. Il tutto mentre il suo assessore Bisesti in aula richiamava le minoranze al senso di responsabilità verso le istituzioni..
Cioè avremmo dovuto garantire noi i numeri a una maggioranza incompleta e che non riconosceva la nostra semplice richiesta di cambiare Savoi come segretario questore.
Sia chiaro, sono il primo a riconoscere l’importanza della presenza delle istituzioni a momenti di promozione del territorio come un arrivo di tappa al giro. Ma era già presente l’assessore al turismo, e si sarebbe dovuto tener conto del momento istituzionale che si era sovrapposto, e che non era una seduta qualunque.
Anche da scelte come queste si vede il senso delle istituzioni, anche se un video in bici (elettrica) sicuramente fa più like di una seduta in aula.

Ps: il casco va messo sempre, anche in salita! 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fugatti in bicicletta anziché in consiglio regionale, la protesta di Luca Zeni

TrentoToday è in caricamento