rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Nei centri trentini a 30 km orari: la proposta della consigliera Coppola

"Un modo per aumentare la sicurezza e abbattere l'inquinamento". E c'è anche una risoluzione del Parlamento europeo

Nei centri urbani dei comuni trentini, ma non solo, le auto dovrebbero viaggiare ad una velocità massima di 30 chilometri orari. La proposta è stata rilanciata dalla consigliera provinciale Lucia Coppola (Europa Verde), e riprende una risoluzione del Parlamento europeo. Una soluzione già in vigore in alcune città dell'Unione europea, come Bruxelles. L'obiettivo è quello di rendere le strade più sicure e raggiungere l'obiettivo di zero morti su strada entro il 2050.

Sulle strade italiane, secondo i dati dell’Istat citati dalla consigliera Coppola, muoiono 3mila persone l’anno, e 40 sono bambini. I tre quarti di questi incidenti mortali avvengono in città e le vittime quasi sempre sono pedoni che provavano semplicemente ad attraversare la strada sulle strisce.

Il limite dei 30 chilometri orari - dice l'esponente di Europa Verde - funziona in teoria e in pratica: a questa velocità solo il 3% dei pedoni viene ucciso, percentuale che sale al 90% se l'impatto avviene ad esempio a 65 chilometri orari. C'è poi il caso di Graz, prima città in Europa ad introdurre il limte per tutta l'area urbana: dopo i primi 6 mesi, il numero di incidenti gravi è calato del 24%. Esempi simili sono riportati anche dalle esperienze di Bruxelles (quasi 200 incidenti in meno nei primi quattro mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020).

"Il limite 30 km/h è un modo popolare a basso costo per aumentare la sicurezza, abbattere l’inquinamento e incoraggiare scelte di trasporto intelligenti. La mobilità sostenibile ed intelligente non fa bene solo all’ambiente ma è conveniente anche per le persone. Ci sono molti motivi per incoraggiarla: la riduzione dell’inquinamento atmosferico e di quello acustico, la diminuzione del traffico, la riduzione del consumo di suolo, il minor degrado del territorio e una maggior efficienza dei trasporti" scrive la Coppola nella mozione indirizzata alla giunta provinciale.

Nel testo, si chiede alla giunta di "interloquire con il consorzio dei comuni per valutare l'opportunità di introdurre il limite di velocità di 30 chilometri orari nei centri trentini al fine di rendere le strade più sicure".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nei centri trentini a 30 km orari: la proposta della consigliera Coppola

TrentoToday è in caricamento