Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Lavori socialmente utili: con il Progettone lavorano 1.600 persone

Riconsegnato alla collettività l'ex comando austriaco dei Virti, nel comune di Folgaria. Previsto in autunno incontro con il Ministro Poletti: " Lavori socialmente utili possono ancora essere uno straordinario strumento di solidarietà"

Grazie al lavoro degli operatori del Progettone - che in Trentino impiega 1.600 lavoratori con investimenti provinciali pari a 49 milioni di euro - è stato riconsegnato alla collettività l'ex comando austriaco dei Virti, nel comune di Folgaria. "E’ importante far capire al Trentino - ha spiegato il vicepresidente Alessandro Olivi - che le donne e gli uomini che ogni anno noi impieghiamo nei lavori socialmente utili sono persone che grazie ad una organizzazione che funziona e un forte impegno degli enti locali vengono valorizzati per restituire alla comunità, come è accaduto qui, spazi che sarebbero altrimenti degradati e abbandonati. È il caso dei monumenti della Grande guerra ma è il caso anche delle numerose aree ricreative realizzate o recuperate e che oggi sono fruibili grazie al lavoro di oltre 3.000 persone che per la provincia sono soprattutto persone a cui offrire un’opportunità di lavoro. Per la fine di ottobre - ha aggiunto Olivi - è previsto un convegno con il Ministro del lavoro Giuliano Poletti e gli assessori regionali competenti per far capire che i lavori socialmente utili possono ancora essere uno straordinario strumento di solidarietà e di efficienza delle pubbliche amministrazioni. Vorremmo rilanciare il Progettone perché vogliamo dimostrare come le persone che ci lavorano possono essere organizzate da una pubblica amministrazione efficiente per dare risposte che altrimenti né le imprese, né la pubblica amministrazione sarebbe in grado di fare". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori socialmente utili: con il Progettone lavorano 1.600 persone

TrentoToday è in caricamento