menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divorzio tra Sait e Latte Trento, la Lega interroga

La Lega Nord chiede conto all'assessore Dallapiccola di questioni che riguardano la produzione e la distribuzione dello yogurt trentino

Divorzio tra Sait e Latte Trento, saranno ben 29 i prodotti della centrale del latte cooperativa che non compariranno più sugli scaffali. La vicenda non è nuova, almeno per  la Lega Nord che già nel febbbraio scorso chiedeva conto all'assessore Dallapiccola del  perchè nei supermercati cooperativi vi fossero gli yogurt altoatesini anzichè quelli, sempre cooperativi, trentini. La risposta fu che la scelta andava ricercata tra le strategie commerciali e le logiche di mercato del Sait. Come dire che lo yogurt non è questione politica. Ora però la situazione del Sait, con i 130 esuberi annunciati per l'anno che sta arrivando, è entrata nell'agenda politica con diverse mozioni all'interno della finanziaria  2017. la Lega torna ad interrogare, ufficialmente, l'assessore competente Dallapiccola, perchè "il legame tra giunta pprovinciale e cooperazione è sempre stato molto forte". In quante mense scolastiche è presente lo yogurt trentino? E nelle attività ricettive? Quanto ne viene esportato? E addirittura: quanto latte fresco trentino è destinato alla produzione di yogurt? E perchè Latte Trento non produce confezioni da 500  grammi  eda 1 chilodi yogurt?  Forse l'interrogazione è stata mandata, anche questa volta, all'indirizzo sbagliato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento