Ex Italcementi, Dellai: "Saranno realizzate cinque scuole"

L'ipotesi di accordo con Piedicastello Spa (cooperazione) prevede che l'area sia trasferita a Patrimonio del Trentino spa libera da fabbricati e completamente bonificata, secondo l'attuale previsione del Prg

Nell'area ex Italcementi a Trento sorgeranno "cinque tipologie di scuole (dai poli tecnici a quelli artistici e liceali)". Lo afferma il presidente della giunta provinciale Lorenzo Dellai in risposta all'interrogazione con la quale il 5 agosto scorso Giuseppe Filippin (Lega Nord) chiedeva conto del prospettato trasferimento dell'Iti Buonarroti e dell'istituto per geometri Pozzo dal quadrante di via Barbacovi.

Per la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva occorrerà un contributo di professionalità esterne - aggiunge Dellai -. Contributo che dovrà però rispondere in modo coerente ad un "documento preliminare alla progettazione" (Dpp), nel quale siano indicate le necessità didattiche e linee guida di una nuova forma di offerta formativa, sul modello del Polo della Meccatronica di Rovereto.
 
L'ipotesi di accordo con Piedicastello Spa (cooperazione) prevede che l'area ex Italcementi sia trasferita a Patrimonio del Trentino spa libera da fabbricati e completamente bonificata secondo l'attuale destinazione prevista dal Prg. 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento