Politica

"Nelle scuole trentine non si fa campagna anti-cancro. Nel resto d'Italia si"

Negli altri istituti scolastici sono stati attivati dei corsi per la prevenzione dei tumori con la collaborazione dell'Associazione italiana di oncologia medica. "Unica eccezione il Trentino", dice il consigliere provinciale Firmani

 

Con l'inizio delle lezioni nelle scuole italiane, a settembre, era cominciata la campagna informativa contro il cancro "Non fare autogol", infatti negli istituti scolastici di tutta Italia sono stati attivati dei corsi per la prevenzione dei tumori con la collaborazione dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom).
 
"Unica eccezione il Trentino", dice però il consigliere provinciale dell'Italia dei valori Bruno Firmani, che in una nota chiede un intervento per introdurre la campagna anche nelle scuole della provincia di Trento
 
"Grazie al linguaggio universale dello sport vengono trasmessi valori e principi di salute - spiega il consigliere - Tali incontri informano i giovani sui fattori di rischio tipici dell'età adolescenziale (alcol, fumo, sedentarietà, alimentazione errata, doping, droga) e sui metodi per prevenire la formazione di alcune neoplasie. Questi utili momenti di informazione e prevenzione organizzati sia dall'Airc, che dall'Aiom, non sono stati organizzati negli istituti scolastici del Trentino. Per quale motivo?".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nelle scuole trentine non si fa campagna anti-cancro. Nel resto d'Italia si"

TrentoToday è in caricamento