Minoranze, all'Istituto ladino di Fassa 5 milioni di euro di contributi

Le assegnazioni all'Istituto Culturale Ladino effettuate dalla Provincia a partire dal 2008 fino al 2013 incluso, ammontano complessivamente a 5 milioni 79.775 euro: 4.406.775 euro per il funzionamento della struttura, 673 mila euro per gli investimenti

Le assegnazioni all'Istituto Culturale Ladino/Istitut Cultural Ladin "Majon di Fascegn", effettuate dalla Provincia a partire dal 2008 fino al 2013 incluso, ammontano complessivamente a 5 milioni 79.775 euro, dei quali 4.406.775 euro per il funzionamento della struttura e i rimanenti 673.000 euro destinati ad investimenti. Le cifre emergono dalla risposta che il presidente della Giunta Alberto Pacher ha dato oggi a un'interrogazione del consigliere Giorgio Leonardi del PdL. Gli importi mostrano un progressivo calo nel tempo delle risorse provinciali, passate dagli 857 mila euro del 2008 ai 765 mila euro di quest'anno. L'Istituto è una delle strutture culturali che operano a sostegno della comunità ladina. Ente funzionale della Provincia Autonoma di Trento, istituito nel 1975, ha sede a San Giovanni (Vigo di Fassa). Tra i suoi scopi statutari figurano la raccolta, l’ordinamento e lo studio dei materiali che si riferiscono alla storia, all’economia, alla lingua, al folklore, alla mitologia, ai costumi ed usi della gente ladina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento