menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mappe digitali, operazione trasparenza della Provincia

Qualsiasi utente può collegarsi al sito dedicato - www.territorio.provincia.tn.it - e quindi accedere in maniera diretta a questa parte del patrimonio informativo della Provincia, consultarlo e scaricare le informazioni

Da oggi sono disponibili online – liberi e riutilizzabili in tempo reale – una serie di dati geografici, in particolare in ambito urbanistico, fino a ieri accessibili solo dopo la procedura di autentificazione. La decisione è stata presa dalla giunta provinciale di Trento che ha approvato la delibera proposta dal presidente Lorenzo Dellai. Si tratta del primo provvedimento dell'esecutivo per quanto riguarda il rilascio di informazioni con i principi dell'Open Data, ovvero dati accessibili, con licenza aperta e quindi utilizzabili da tutti.  

Come primo ambito di diffusione di dati pubblici, la Provincia ha scelto il Sistema Informativo Ambiente e Territorio - SIAT, che contiene dati fondamentali per una corretta gestione del territorio. Si tratta di 161 voci, il 40% circa sul totale gestito in questo settore, che vanno dal piano urbanistico provinciale al piano di utilizzazione delle acque pubbliche (PGUAP), dall’idrografia alle valanghe.  
 
Qualsiasi utente può collegarsi al sito dedicatowww.territorio.provincia.tn.it – e sotto la voce Siat "Ricerca nel geo-catalogo" - e quindi accedere in maniera diretta a questa parte del patrimonio informativo della Provincia, consultarlo e scaricare liberamente le informazioni ricercate. 
 
La messa a disposizione di questi dati on line consente da un lato di eliminare i costi per la loro riproduzione, dall’altro di semplificarne la ricerca e la condivisione. I dati disponibili, sia in formato grezzo che aggregato, rispettano il paradigma degli Open Government Data – OGD (che prevede di rendere i dati e le informazioni delle istituzioni pubbliche aperti e accessibili direttamente on line) e sono di pubblico dominio (quindi caratterizzati da licenza Creative Commons 0). Con le stesse modalità potranno essere riusati e redistribuiti. 
 
La scelta della Giunta provinciale si inserisce nel dibattito sul rinnovamento delle amministrazioni in ottica open, cioè aperta, che mette in primo piano un nuovo approccio alla gestione dei dati e delle informazioni in ambito pubblico. Inoltre, la messa a disposizione del patrimonio informativo pubblico contribuisce ad aumentare la trasparenza ed efficienza di una pubblica amministrazione, nonché a creare impulso all’innovazione, competitività e stimolazione dello sviluppo economico in generale generando potenzialmente nuove opportunità di business. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento