Code e incidenti: mozione per uno spartitraffico da 7 km sulla statale della Valsugana

La strada statale 47 della Valsugana, importante arteria di ingresso e transito in Trentino da est, si posiziona al 6° posto in Italia nella classifica delle vie di comunicazione più pericolose ed è stata anche in questi giorni teatro di un incidente

"Valutare l’opportunità di un ulteriore intervento per la messa in sicurezza della SS47, nel tratto di strada da Castel Ivano a Grigno, prevedendo uno spartitraffico su tutto il tratto lungo sette chilometri a doppia corsia". Lo prevede una proposta di mozione del consigliere provinciale di Forza Italia, Giacomo Bezzi. La strada statale 47 della Valsugana, importante arteria di ingresso e transito in Trentino da est, si posiziona al 6° posto in Italia nella classifica delle vie di comunicazione più pericolose ed è stata anche in questi giorni teatro di un incidente mortale.

Dai dati statistici rilevati si evince che, su tale tratto stradale, ogni mille incidenti, si registrano circa 69 morti e l'indice di gravità è pari a 48,78% di decessi ogni mille infortunati. Bezzi ricorda che i "lavori per la messa in sicurezza della Statale 47, nel tratto compreso tra località Barricata a Villa Agnedo, nel comune di Castel Ivano, e località Barricata di Sotto, nel comune di Ospedaletto, sono attesi da anni e i lavori dovrebbero iniziare entro il 2018, si ritiene che questo intervento non sarà comunque sufficiente a garantire la piena sicurezza di questo tratto stradale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavori riguardano solo un tratto della strada, la retta di Ospedaletto che corre per un chilometro dentro il territorio del paese stesso e per altri due nel comune di Castel Ivano. "Ma la pericolosità riguarda tutti i sette chilometri, a due corsie, senza spartitraffico e a rischio scontro frontale e uscita di strada in un fossato", sottolinea il consigliere provinciale, secondo il quale "l’unico vero intervento risolutore per limitare la pericolosità è la messa in posa di uno spartitraffico, uno strumento che ridurrà la velocità media lungo quel tratto di strada e ridurrà drasticamente il rischio di incidenti mortali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento