rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Il caso / Baselga di Pinè

Ice Rink: le preoccupazioni crescono mentre si attende l’incontro chiave con Malagò

Piffer (Confcommercio): “Il territorio ha sofferto, merita scelte di sviluppo”. E interviene anche il M5S

Mentre continua il conto alla rovescia verso l’incontro tra il presidente Maurizio Fugatti e il numero uno del Coni Giovanni Malagò sul tema caldo del momento, l’affaire Ice Rink di Baselga di Pinè, con l’ombra dell’Oval di Torino per quanto riguarda le Olimpiadi invernali del 2026, ad alzare la voce sono soprattutto l’economia e la politica.

Proprio dal presidente vicario di Confcommercio Trentino e presidente dei commercianti al dettaglio trentini Massimo Piffer arrivano queste considerazioni sulla vicenda: “I commercianti del territorio richiedono un intervento concreto che possa servire a rigenerare tutto il tessuto economico di un territorio dove sport e turismo sono componenti trasversali che contribuiscono alle prospettive di sviluppo di molte attività economiche e, più in generale, dell’intera comunità. È un territorio che ha  sofferto in questi anni e merita, al pari di altri, che vengano concretamente attuate scelte di sviluppo che possano dare un impulso ai molti operatori economici e collaboratori”.

Secondo Piffer, gli imprenditori si aspettano che l’incontro con il Coni possa essere il volano per soluzioni che rigenerino sia le discipline sportive che hanno una tradizione solida sull’altopiano, sia le attività economiche che vivono dell’indotto di turismo e sport.

Intanto, anche il Movimento 5 Stelle entra nella questione, attraverso il consigliere provinciale Alex Marini: secondo i pentastellati spendere cifre superiori a quelle preventivate per lo stadio del ghiaccio di Baselga di Pinè sarebbe un errore.

“Più volte ci siamo occupati della questione, presentando interrogazioni e atti di competenza.  Fin da subito il M5S ha chiesto trasparenza riguardo alle spese per la realizzazione delle Olimpiadi invernali e a un certo punto ha anche ottenuto la promessa che ci sarebbe stata. I problemi di fondo però sono sempre quelli” il commento sconsolato del consigliere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ice Rink: le preoccupazioni crescono mentre si attende l’incontro chiave con Malagò

TrentoToday è in caricamento