menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente Fugatti con l'assessore uscente Mellarini durante l'emergenza maltempo

Il presidente Fugatti con l'assessore uscente Mellarini durante l'emergenza maltempo

Fugatti ha 24 ore per presentare una Giunta

L'emergenza maltempo ha messo tutto in stand by per qualche settimana, ma ora il conto alla rovescia è iniziato, ed i nodi rimangono gli stessi

Il "toto-giunta" era iniziato all'indomani delle elezioni del 21 ottobre scorso, poi l'emergenza maltempo ha messo tutto in stand-by ma ora il conto alla rovescia è iniziato. Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti deve presentare la nuova Giunta entro martedì 12 novembre. E' possibile che i nomi dei nuovi assessori siano presentati già oggi, ma non sarà un compito facile.

Fugatti ha gestito l'emergenza maltempo senza un assessore competente, tanto che nei sopralluoghi alle zone più colpite dai temporali di fine ottobre è stato accompagnato dall'assessore uscente Mellarini e dal suo predecessore Rossi.

I nodi sono gli stessi di tre settimane fa: la scelta tra Roma e Trento delle deputate leghiste, che non hanno ancora annunciato le dimissioni dal ruolo parlamentare, e soprattutto la scelta di assessori non appartenenti alla Lega.

Un nodo cruciale: se è vero che il segretario provinciale del partito Mirko Bisesti aveva annunciato, a spoglio ancora in corso, che "non sarà una Giunta monocolore" è anche vero che proprio da lui arrivano le più feroci critiche ad un possibile posto da assessore a Mario Tonina, alleato alle elezioni ma "reo" di aver militato cinque anni nella maggioranza di Rossi.

Lo stesso problema, molto probabilmente, riguarda anche l'ex Patt Kaswalder, il cui nome però non è  mai figurato tra i possibili assessori. Restano  gli altri alleati Mattia Gottardi e Rodolfo Borga, della Civica, Giorgio Leonardi di Forza Italia, Luca Guglielmi dell'Associazione Fassa e l'inossidabile Claudio Cia, portabandiera di importanti battaglie nel campo della Sanità.

Altra incognita sono le competenze che il prsidente Fugatti potrebbe decidere di tenere per sè, una su tutte la Scuola, precedentemente in capo al governatore Rossi, ma anche le Infrastrutture, dal momento che su Valastico, terza corsia della A22  e Tunnel del Brennero la Lega ha puntato gran parte della campagna elettorale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento