Gettoni di presenza nelle circoscrizioni, M5S: "Si decida con un referendum"

A poco pià di un anno dalla cancellazione dei compensi per consiglieri e presidenti circoscrizionali la giunta Andreatta vorrebbe ripristinarli. Il Movimento Cinque Stelle propone un referendum

Tornano i gettoni di presenza nelle circoscrizioni, o forse no: l'importante è che a decidere siano i cittadini. E' questa la proposta dei consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle che domani, all'interno di una seduta consiliare che si prevede rovente, presenteranno cinque emendamenti propositivi alla delibera con la quale il sindaco Andreatta vorrebbe reintrodurre, a poco più di un anno dall'abrogazione, i compensi per i presidenti ed i consiglieri delle undici circoscrizioni cittadine.

I tre consiglieri pnntastellati promettono battaglia e chiedono che sulla questione si esprimano i citttadini, tramite un referendum. E se il referendum costasse troppo? "Qualora i costi per un referendum risultassero troppo elevati, proponiamo di utilizzare, previa regolamentazione dell’articolo 15 dello Statuto, uno strumento analogo, ma dai costi di molto inferiori, ovvero la consultazione popolare" rispondono  i tre in una nota. Tra gli emendamenti presentati si richiede anchhe che la decisione diventi esecutiva dalla prossima consiliatura: chi è stato eletto senza gettone rimarràa tasche vuote almeno fino alle prossime elezioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento