Droga, Fugatti annuncia: "Misure speciali per combattere il fenomeno in Trentino"

Annunciato un "approccio sistematico e misure speciali" per contrastare il fenomeno in città e nelle valli

Misure speciali per contrastare il fenomeno della diffusione della droga in Trentino. L'iniziativa dipende direttamente dalla Presidenza della Provincia autonoma di Trento, ovvero dal governatore Maurizio Fugatti, compagno di partito del ministro dell'Interno Matteo Salvini che, parimenti, di recente ha annunciato una "dura battaglia" sul tema.

Cannabis Light, la titolare: "Ecco cosa vendiamo qui"

Sull'iniziativa, annunciata attraverso un comunicato dell'Ufficio Stampa provinciale, non si sa, per ora, molto di più. "La droga è fenomeno complesso: va oltre le semplici statistiche o le notizie di reato; attraversa una società come un filo rovinato che rischia di rovinare la bellezza di un tessuto o, peggio, di indebolirne la tenuta" si legge nel comunicato. Nella nota si annuncia anche la creazione di un organo speciale della provincia dedicato al tema. I dettagli, comprese le "misure speciali" annunciate nella nota, saranno illustrati in una conferenza stampa del presidente Fugatti con i giornalisti nella mattinata di lunedì 17 giugno. Non mancheremo di aggiornarvi, clicca qui...

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento