Ianeselli si è dimesso da segretario della CGIL per correre come candidato sindaco di Trento

"Lascio una CGIL forte, coesa, autorevole". Bisesti e Moranduzzo: "Scelta la linea comunista". Nel finesettimana il nome del candidato di centrodestra

Franco Ianeselli si è dimesso dalla carica di segretario provinciale della Cgil per correre come candidato sindaco di Trento alle elezioni del 3 maggio 2020. Le dimissioni sono state presentate lunedì 13 gennaio: "Mi sono affacciato in Cgil nel 1996, quando ero ancora studente. E' una comunità di persone che, ogni giorno, pratica il valore della solidarietà" spiega.

"Dentro questa organizzazione sono cresciuto come uomo, sperimentando la forza dello scontro tra visioni contrastanti e imparando la fatica della mediazione, l’importanza del rispetto e la fedeltà agli accordi" conclude Ianeselli in un lungo post su Facebook. Com'è noto il suo nome ha ricompattato i tre maggiori partiti di quello che fino a qualche anno fa era il centrosinistra autonomista (PD, PATT, UPT) ed ha ottenuto l'appoggio dei Verdi, di Futura, di Italia Viva, di Trentino in Azione e de L'Altra Trento a Sinistra.

Una candidatura che, seppur nell'aria da tempo, ha "bruciato" sul tempo quella del centrodestra che renderà noto nel finesettimana il nome del candidato. Tra i papabili lo storico docente della Facoltà di Ingegneria di Trento Aronne Armanini ed il già senatore leghista Sergio Divina. La Lega bolla come "comunista" il candidato Ianeselli, con il segretario Mirko Bisesti ed il consigliere Devid Moranduzzo che sui social network giocano sulla parola "compagno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Franco Ianeselli comunista e cosacco? Non fateci sorridere, semmai é un autonomista innovatore. Radici profonde nel territorio con forti idee di cambiamento nell'ascolto, nell'umilta' e nel coraggio ed è per questo che per primi gli abbiamo dato fiducia" assicura Alberto Pattini, capogruppo del PATT in Consiglio comunale a Trento, a volte anche a fianco della Lega in alcune battaglie sulla sicurezza e contro il degrado urbano. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Lavoratori dalla Romania, la Giunta scrive a Roma: ipotesi "quarantena attiva"

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Cristiana Capotondi a Trento: sarà Chiara Lubich

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Merano usano... il freddo!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento