menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fugatti-Degasperi: fronte comune sulla flat tax

Fugatti-Degasperi: fronte comune sulla flat tax

"Flat tax: 70 milioni di euro in meno per la Provincia? No, meno tasse per i trentini"

In Trentino il capogruppo del M5S, che è all'opposizione, difende la manovra votata da Fugatti: meno soldi per le casse provinciali o meno tasse per i trentini? In realtà entrambe le cose

Fronte comune Lega-M5S in Trentino,dove in realtà i due partiti sono rispettivamente al governo ed all'opposizione, per difendere la flat tax che "toglie" alle casse provinciali 70 milioni di euro in entrata. All'indomani della manovra del governo nazionale giallo-verde Patt e PD hanno puntato il dito contro il governatore leghista Fugatti "reo" di aver approvato la legge salvo poi correre ai ripari.

Settanta milioni in meno per le casse provinciali, o settnta milioni di tasse in meno per i trentini? Dipende dai punti di vista. "Chi si straccia le vesti in queste ore vuol dire che preferisce che i trentini continuino a pagare più tasse invece di pagarne meno. Noi non apparteniamo a questa categoria" conclude perentorio Fugatti. 

“Minori tasse – sottolinea- significa anche maggiore capacità di spesa per i cittadini e stimolo per le aziende che vogliono investire. Quindi il meccanismo alla fine porta con sé spinte positive in termini di investimenti, consumi e conseguenti tasse pagate, e non solo negative come alcune letture vogliono far apparire”.

Dai banchi dell'opposizione (a Trento, ma in realtà da alleato a Roma) il capogruppo del Movimento Cinque Stelle trentino Filippo De Gasperi corre in aiuto: "Le lagne attestano che finalmente la direzione è giusta e che le loro promesse elettorali sul fisco erano solo una presa in giro".

"Sembra che in Trentino si scopra oggi che la riduzione delle imposte si ottiene facendone pagare meno ai cittadini e alle imprese" scrive il consigliere pentastellato, ricordando che il bilancio provinciale sfiora i 5 miliardi e che i soldi, per ora trasferiti sulla parte corrente dalla Provincia, possono essere trovati anche in altri modi: "i 96 milioni di anticipi sui vitalizi sposati dalla sinistra, dal centro e dalla destra, il buco nero della formazione professionale privata oltre a progetti sgangherati come la Translagorai (che di milioni ne vale però poco più di uno ndr)". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento