menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finanziaria provinciale, il Pd deposita 35 emendamenti

Sul tema del contenimento del debito pubblico è invece stato condiviso un emendamento che specifica e regolamenta in maniera più rigorosa le modalità di ricorso all'indebitamento della Provincia e delle società controllate

Mentre governo e parlamento italiano lavorano per adottare quelle misure, difficili e controverse ma improrogabili, per risanare i conti del Paese e rilanciare l’economia, anche la Provincia di Trento è chiamata ad adottare le misure più efficaci per migliorare la macchina amministrativa, sostenere l’economia e garantire la coesione sociale.

La finanziaria è uno dei momenti più rilevanti dell’attività del Consiglio, e comporta misure eterogenee e rilevanti per i cittadini e siamo convinti che le molte misure positive contenute avranno ricadute positive sulla comunità. Ricordiamo soltanto la razionalizzazione nell’organizzazione dell’amministrazione, le misure a sostegno del lavoro in particolare giovanile, le agevolazioni fiscali per le imprese.
 
"Nell’ottica di sostenere e migliorare il testo, il gruppo consiliare del Partito Democratico del Trentino ha depositato 35 proposte di emendamento che si aggiungono a quella decina di emendamenti già approvati in commissione e che oggi sono parte integrante del testo che sarà discusso in aula. Nelle scorse settimane tutti i consiglieri hanno lavorato a fondo, consapevoli che la difficile fase economica del Paese, che coinvolge anche l’autonomia trentina, impone a tutti un surplus di impegno", spiega il capogrupppo Luca Zeni..
 
Alcune delle proposte avanzate sono state oggetto di confronto in maggioranza e con la giunta, e sono arrivate ad una condivisione larga per quanto riguarda i temi politicamente più rilevanti ed oggetto di discussione nei giorni scorsi. In particolare sull’organizzazione della Provincia il gruppo del Pd condivide l’intento di razionalizzazione proposto dalla giunta, ma per garantire la massima trasparenza e condivisione propone il passaggio in commissione delle relative delibere per un parere preventivo, oltre a una relazione annuale sul funzionamento e sull’organizzazione del sistema pubblico.
 
Sul tema del contenimento del debito pubblico è invece stato condiviso un emendamento che specifica e regolamenta in maniera più rigorosa le modalità di ricorso all’indebitamento della Provincia e delle società controllate: "Siamo convinti che la trasparenza ed il rigore, insieme ad una gestione attenta delle risorse pubbliche sarà sempre più importante per garantire i cittadini e l’autonomia", dice ancora Zeni..
 
Sono stati poi depositati altri emendamenti, alcuni dei quali migliorano o completano previsioni contenute nella finanziaria, altri rappresentano invece proposte nuove in materia di: espropri, parcheggi pertinenziali, indennizzi forfettari in caso di ritardo nei procedimenti amministrativi, revisori dei conti abilitati nei consorzi agrari, interventi in contesti di crisi, somministrazione di cibi freddi nelle cantine e aziende, inquinamento luminoso.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento