Verso Piazza Dante

Provinciali: la candidata di Fratelli d’Italia è Francesca Gerosa

“Pronta a mettermi al lavoro per far crescere la nostra Provincia” le sue prime parole. Urzì: “Stima a Fugatti, ma serve un Trentino in sintonia col governo nazionale”

La corsa del centrodestra verso piazza Dante è cominciata. E, nello specifico, è cominciata con l’annuncio di Fratelli d’Italia che lancia come candidata presidente Francesca Gerosa. A lei, la componente trentina del partito di Giorgia Meloni ha affidato il pieno mandato di rappresentare la proposta di Fratelli d’Italia per la guida di una solida coalizione di governo provinciale.


“È per me un onore oggi mettermi a disposizione del Trentino per essere a servizio della nostra terra e della nostra gente: colgo questa opportunità, e la fiducia che mi viene data, con orgoglio e responsabilità, nella consapevolezza che, con me, tutta la comunità di Fratelli d’Italia è pronta a mettersi al lavoro per far crescere la nostra Provincia. Siamo consapevoli di quanto sia necessario, sempre ma in questo momento storico più che mai, ascoltare persone e territori, che devono essere realmente coinvolti in quanto vero motore del futuro del nostro Trentino e della nostra autonomia. Crediamo nella coalizione del centrodestra che sosteniamo attraverso le nostre esperienze politiche e professionali, con il coraggio di elaborare e proporre anche nuovi obiettivi strategici, amministrativi e di territorio, necessari per disegnare il futuro della nostra Provincia ed il suo ruolo strategico” il commento di Gerosa dopo l’investitura ufficiale.

Nessuna questione pregiudiziale nei confronti di alcun candidato, a maggior ragione se questo candidato si chiama Maurizio Fugatti: ci tiene a mettere subito le cose in chiaro il coordinatore di FdI in Trentino, l’onorevole Alessandro Urzì. La scelta è stata comunicata anche allo stesso Fugatti, fanno sapere da Fratelli d’Italia, rinnovandogli stima e gratitudine ma rimarcando anche la necessità di un contributo attivo del partito e della sua comunità militante alla coalizione ed al progetto di consolidamento dell’autonomia trentina e delle opportunità per il territorio. “Solo un governo del Trentino perfettamente in sintonia con il governo nazionale può peraltro garantire la specificità del territorio, la tutela delle sue specialità uniche, è la risposta a tutte le richieste di garanzia e stabilità richieste dalle popolazioni locali” commenta Urzì.

La politica, evidentemente, è spesso una trasposizione del gioco degli scacchi. Non resta quindi che attendere la mossa che farà soprattutto la Lega, espressione principale dell’attuale esecutivo e del presidente uscente che, proprio pochi giorni fa, aveva incassato l'appoggio di Matteo Salvini che, di fatto, ne aveva lanciato la candidatura. Insomma, se la corsa verso Piazza Dante è cominciata, la partita dentro il centrodestra trentino, adesso, entra nel vivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provinciali: la candidata di Fratelli d’Italia è Francesca Gerosa
TrentoToday è in caricamento