Ospedale di Cavalese, Ugo Rossi: "Basta propaganda, ecco com'è andata"

"Tutti vogliono metterci il cappello, ma è stata la Provincia a trovare la soluzione". Ugo Rossi su facebook risponde all'entusiasmo pentastellato e, in parte, leghista

Con la notizia della riapertura del Punto Nascita a Cavalese è scattata, in questi  giorni di febbrile campagna elettorale, la  corsa a prendersi il merito. Se è vero che Lega e Claudio Cia, da una parte, e Movimento Cinque Stelle, dall'altra hanno sempre contestato la chiusura del Puntoo Nascita e si sono battuti per la riapertura con petizioni, interrogazioni e manifestazioni di protesta, è vero anche che è stata la Provincia, realizzando i lavori per la sala operatoria e reclutando il personale necessario, a far sì che il Punto Nascita potesse riaprire, in deroga alle norme ministeriali, a loro volta applicate sulla base di direttive europee.

A rivendicare la "paternità", è il caso di dirlo, di chi potrà ancora nascere a Cavalese, se e quando il presidio verrà aperto, è Ugo Rossi. Candidato per un secondo mandato, il presidente uscente affida a facebook alcune precisazioni sulla vicenda: "Questa è la storia: lo Stato impone la chiusura di centri nascita sotto soglia (meno di 500 nascite l’anno); la Provincia ha chiesto la deroga per i suoi punti nascita, deroga concessa a Cles ed a Cavalese. In seguito, il centro di Cavalese è stato chiuso perché non c’erano i medici per coprire i turni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"LL’Azienda Provinciale per i servizi sanitari ha lavorato per trovare nuovi medici. Sono stati trovati; poi all’improvviso, il Comitato Nazionale ha chiesto anche l’apertura immediata e non solo programmata (come aveva detto inizialmente) di una nuova sala operatoria. Ora è stata trovata soluzione per una sala. La Provincia ha chiesto al comitato la riapertura; La riapertura è stata concessa. Tutto qui!" scrive Rossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Lavoratori dalla Romania, la Giunta scrive a Roma: ipotesi "quarantena attiva"

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Cristiana Capotondi a Trento: sarà Chiara Lubich

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Merano usano... il freddo!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento