Elezioni provinciali 2018 Centro storico / Piazza Dante

Claudio Cia denuncia il suo stesso schieramento: "C'è chi promette denaro in cambio di voti"

Promesse di sostegno economico in cambio di "sostegno" elettorale, ed annunci di certa nomina ad Assessore da parte di candidati del centrodestra

Claudio Cia, campagna elettorale in Val di Cembra

Candidati che "promettono di pagare sedi o studi professionali in cambio di sostegno elettorale". La pesante denuncia, in piena campagna elettorale, viene dal candidato capolista di Agire per il Trentino Claudio Cia, che non attacca gli avversari, bensì i suoi stessi compagni di coalizione.

Uno sfogo su facebook. Un allarme nato, come spiega il consigliere, da numerose segnalazioni di cittadini. "Rattrista vedere come anche all’interno della coalizione del cambiamento ci siano soggetti che ripetono schemi del passato e che rischiano di allontanarci da una netta vittoria contro il centrosinistra" scrive Cia, che quinndi si rivolge al suo stesso schieramento.

In un centrodestra ormai convinto di vincere c'è perfino chi "annuncia come certa la propria nomina ad Assessore  all'Agricoltura o al Turismo" prosegue Cia, lasciando a noi, e a voi, il piacere di provare ad immaginare a chi si rierisca.

"Vorrei chiarire ai nostri elettori che se incontrano dei candidati che promettono denaro o altro in cambio di voti, questi stanno commettono un reato, e di conseguenza vanno prontamente denunciati alle dovute autorità senza fare sconti; inoltre, per quanto riguarda la nostra coalizione, non risulta che a nessuna riunione si sia mai discusso della futura Giunta provinciale" conclude amaramente Cia.

Terribile autogol o garanzia di autocontrollo, di "anticorpi" interni alla coalizione, come ha scritto lo stesso consigliere? Di sicuro la palla è stata colta al balzo dall'ex compagno di partito, ed ora rivale, Claudio Civettini, che ha depositato un esposto in Procura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Claudio Cia denuncia il suo stesso schieramento: "C'è chi promette denaro in cambio di voti"

TrentoToday è in caricamento