menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Samaden: "Dobbiamo smetterla di dire che la droga non fa male"

L'esperto chiamato da Fugatti alla guida del Tavolo antidroga: "Smetterla con messaggi che minimizzano"

"Dobbiamo smetterla di dire a ragazzini di 14 anni che certe sostanze non fanno male". Prosegue la battaglia, prima di tutto culturale, di Federico Samaden, dirigente scolastico recentemente nominato a capo di un Tavolo di lavoro contro le droghe voluto dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti. 

L'occasione è fornita dalla Giornata ONU contro il consumo di droghe. Nella nota dell'Ufficio stampa proviciale Samaden torna dunque a puntare il dito contro gli adulti, ed i messaggi troppo permissivi sulle droghe leggere. "Troppo spesso il mondo adulto si concentra solo su se stesso, sull’affermazione del sé e sul perseguimento di valori meramente materiali - si legge - Dobbiamo pensare alla enorme quantità di diritti negati dei minori che la droga produce, alla terribile violenza che investe vite giovani, che avrebbero diritto a buoni maestri, a famiglie che accompagnino lungo un cammino di crescita e di realizzazione responsabile". 

A sottolineare il concetto è lo stesso presidente Fugatti: " Gli approcci possibili sono molti, e investono una molteplicità di soggetti, ma io credo sia necessaria innanzitutto una mobilitazione culturale netta e senza equivoci: la droga fa male, qualsiasi tipo di droga. Basta con i messaggi sbagliati, che tendono a minimizzare la portata del fenomeno. Dobbiamo costruire una narrazione responsabile, attendibile, che non minimizza il problema". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento