Centro Santa Chiara: il nuovo presidente è l'onorevole leghista Sergio Divina

Dopo le indiscrezioni su Lucio Gardin la Giunta leghista ha deciso per una nomina "in casa": alla presidenza dell'ente dello spettacolo il senatore Divina

Sergio Divina è il nuovo presidente del Centro Servizi Culturali Santa Chiara, l'ente provinciale che si occupa della gestione dei teatri cittadini e di una serie di manifestazioni culturali in tutto il Trentino. 

Il nome di Divina è stato proposto dall'assessore alla Cultura Mirko Bisesti ed approvato dalla Giunta. Vicepresidente sarà Sandra Mattuella, firma delle pagine culturali del quotidiano Trentino, collaboratrice de La Voce del Trentino e candidata leghista alle scorse provinciali, dove ottenne 272 voti. Daniele Lazzeri, Paolo Dalla Sega, Maurizio Cau, saranno membri del Consiglio.


Per il Collegio dei revisori dei conti sono stati nominati Alessandro Giarolli, Tamanini Andrea e Lucia Corradini. Sia il Cda, sia il Collegio dei revisori resteranno in carica per cinque anni dalla data della nomina. Il presidente del Consiglio di amministrazione, sottolinea una nota della Giunta, svolgerà il suo ruolo gratuitamente.

Nelle settimane scorse fecero molto discutere le indiscrezioni che davano in corsa alla presidenza del Centro Servizi Culturali Santa Chiara Lucio Gardin, attore comico, ed il dj roveretano Ago Carollo. Entrambi simpatizzanti per la Lega trentina. Alla fine il nome scelto è quello di un esponente della Lega fin dal 1991.

Sergio Divina con il Carroccio è stato eletto consigliere provinciale per due legislature, poi senatore per tre legislature. Fu candidato nel 2006 a sindaco di Trento ottenendo il 6,5% dei voti, mentre alle provinciali del 2008 ottenne il 36,5% delle preferenze come candidato Presidente della Provincia, non sufficienti, però, a battere Lorenzo Dellai.

Conquistò le prime pagine delle cronache nazionali (leggi l'articolo di Today.it) per alcune esternazioni contro le persone omosessuali espresse in un'intervista alla Zanzara di Radio 24. "Ho due figli, un maschio e una femmina, e per fortuna sono eterosessuali. Se fossero gay mi dispiacerebbe molto, ma dovrei accettarlo. Un figlio te lo tieni in quel modo, anche se fosse un delinquente, ti tieni anche un figlio deficiente e cretino. Ogni famiglia ha le sue disgrazie". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

Torna su
TrentoToday è in caricamento