Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Divieto di spostamento tra comuni: Conte ci ripensa?

Pressing delle minoranze ma anche delle regioni sul premier, ecco gli ultimi aggiornamenti

Conte e Babbo Natale - foto Ansa via AnconaToday - pre-Covid-3

Spostamenti tra comuni vietati a Natale, o forse no? Secondo le ultime indiscrezioni riportate dai media nazionali Conte potrebbe ripensare alle norme contenute nel Dpcm firmato la settimana scorsa. La misura è stata oggetto di contestazione da parte di molti governatori, incluso il trentino Maurizio Fugatti, nonché dall'opposizione e da esponenti della stessa maggioranza.

Fugatti: "Apertura di Conte sugli spostamenti"

Ciò nonostante ieri il ministro della Salute Roberto Speranza aveva ribadito che "le misure sono queste e le confermiamo e le norme restano queste. In questa fase non possiamo permetterci spostamenti che non siano indispensabili e il messaggio del governo vuole essere questo: nei giorni più caldi, dove c'è più rischio che salga la mobilità, chiediamo un sacrificio alle persone".

Se il ripensamento da parte del premier per ora è soltanto una supposizione, sebbene riportata da fonti parlamentari riprese dall'agenzia stampa Adnkronos, è oggettivo il pressing della Conferenza delle Regioni e delle minoranze in parlamento sul tema, che è stato oggetto di una riunione dei capigruppo parlamentari questa mattina al Senato. 

Le ipotesi sono due: consentire gli spostamenti tra i comuni dello stesso circondario, ad esempio negli hinterland cittadini. E consentire lo spostamento per i comuni con un numero molto basso di abitanti. Il divieto, lo ricordiamo, vale dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 ed è stato introdotto con il decreto n. 158 del 2 dicembre e prevede, nel periodo di tempo indicato, l'interdizione a ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, e nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021. È vietato altresì ogni spostamento tra comuni, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divieto di spostamento tra comuni: Conte ci ripensa?

TrentoToday è in caricamento