Dellai, Lorenzin, Rutelli e la margherita della discordia

La Margherita 2.0, come è stata presentata alla stampa, non è piaciuta a Francesco Rutelli che in un post su facebook bacchetta Dellai ed il Trentino. Il partito vero e proprio è ancora in liquidazione

I simboli della margherita nelle sue varie fasi sonopresi da www.isimbolidelladiscordia.it

Il ritorno del simbolo della margherita (con la 'm' minuscola) ha provocato le reazioni degli ex membri della Margherita (con la 'M' maiuscola). Si sa che a "prestare" il simbolo alla nuova lista di Beatrice Lorenzin, in vista delle elezioni di marzo, è stato il deputato trentino Lorenzo Dellai, il quale ha sottolineato più volte questo passaggio, indicando continuità (sicuramente, è il caso di dirlo, simbolica) all'interno della sua storia politica.

In Trentino infatti la margherita è comparsa almeno due volte dopo lo scioglimento (in realtà mai avvenuto, come racconta un interessante articolo del blog I simboli della discordia, clicca qui) del partito Libertà è Democrazia - La Margherita. Nelle ultime due elezioni provinciali l'Unione per il Trentino ha utilizzato il fiore bianco nel simbolo, un fiore, però a 12 petali, non a 16 come quello de La Margherita. 

Oggi Francesco Rutelli è intervenuto con un lungo post su facebook bollando l'operazione come "Un tentativo impossibile, e sbagliato, di impadronirsi di una storia preziosa". Non la pensa sicuramente così Lorenzo Dellai, che di quella storia si è sempre considerato il vero padre, commettendo semmai un errore proprio riguardo all'eredità del simbolo.

La Margherita, quella vera, non è affatto morta: è in liquidazione dal 2008 e dal Collegio dei Liquidatori arriva una diffida all'utilizzo del simbolo. "Una furbizia di bassa lega, infine, è il tentativo di utilizzare l'esperienza provinciale della Margherita trentina. Ottima esperienza, ma strettamente locale: il simbolo nazionale Margherita è tutelato dalla presentazione in elezioni politiche, e non utilizzabile da altri" scrive Rutelli.

Una stoccata, infine, diretta a Dellai: "Se dobbiamo poi risalire a chi ha introdotto in elezioni nazionali il simbolo della Margherita, la risposta è semplice" scrive Rutelli. Lui stesso infatti fece parte della lista Verdi Arcobaleno alle elezioni europee del 1989, lista che nel simbolo aveva... una mezza margherita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

  • Centro sociale Bruno contro il nuovo parcheggio: "L'ex Italcementi diventi un parco"

Torna su
TrentoToday è in caricamento