Dai ticket del Pronto Soccorso oltre 11 milioni di gettito dal 2008 al 2016

Derivante dal numero di accessi con codice bianco, cioè - nel sistema Rao - il colore a cui è assegnata la minor gravità del paziente

Ammonta a circa 11.623.000 euro il gettito derivato dai ticket del pronto soccorso dal 2008 al 2016 in Trentino. Emerge da una risposta dell'assessore provinciale alla Salute, Luca Zeni, ad una interrogazione di Claudio Civettini (Civica). Il quale aveva chiesto di sapere il numero di accessi con codice bianco, cioè - nel sistema Rao - il colore a cui è assegnata la minor gravità del paziente che si presenta in pronto soccorso. Il ticket - precisa Zeni nella risposta (per i dati vedere le immagini) - non è dovuto dagli stranieri non in regola con il permesso di soggiorno, in quanto la normativa prevede che gli oneri siano posti a carico del Ministero della salute. 

codice bianco-2codice bianco1-2codice bianco2-2

Per quanto riguarda invece le procedure di riscossione coattiva, eventuali ticket non pagati sono da riferirsi unicamente ad assistiti iscritti al Servizio sanitario nazionale o provinciale, un numero di circa 500 accessi l'anno (prima tabella), cioè è circa lo 0,2% del totale. Rispetto alla quantificazione degli accessi al pronto soccorso di stranieri regolarmente presenti sul territorio (lavoratori, studenti) nel 2016 è stato pari il 9% sul totale degli accessi complessivi. Un dato in linea con la percentuale di stranieri residenti fornito recentemente da Ispat (8,6%).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento