menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Immigrazione: catena umana al Brennero contro la chiusura dei confini

Oltre un centinaio tra politici, sindacati, categorie economiche, società civile a bordo del treno verso il confine per dire 'no' al ripristino della frontiera deciso dall'Austria. Rossi: "I flussi migratori vanno condivisi da tutti i Paesi"

Oltre un centinaio le persone (politici, sindacati, categorie economiche, società civile) a bordo del treno verso  il confine per dire 'no' al ripristino della frontiera deciso dall'Austria. Il presidente Rossi: "I flussi dei migranti vanno condivisi da tutti i paesi europei". L'iniziativa lanciata dalla consigliera provinciale del Pd, Lucia Maestri , è stata accolta da altri esponenti politici, associazioni di volontariato, sindacati, categorie economiche. "Un Brennero che unisce", è il titolo dell'appello firmato dai consiglieri regionali che ha promosso la 'catena umana' a cavallo del confine. "Saremo al passo del Brennero - si legge tra le motivazioni - per darci la mano, disposti al di qua e al di là di un confine che non vogliamo diventi una linea d' esclusione". L'appello è stato sottoscritto su Facebook da oltre 200 fra esponenti del mondo sindacale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Politica

    Il nuovo Dpcm marzo 2021, ma è cambiato qualcosa con Draghi?

  • Cronaca

    Coronavirus: zero decessi, contagio molto alto

  • Attualità

    Comunità del Garda: sindaco Santi nel Consiglio direttivo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento