menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sindacalista Cisl si candida con Casa Pound: sospeso

"Sospeso dagli incarichi" per incompatibilità, il colore politico non c'entra. Il dipendente attacca in sindacato: "Censori antidemocratici"

Bufera sulla candidatua di un dipendente Cisl nella lista di Casa Pound in Trentino. Il sindacato "bianco" ha comunicato di considerare "sospeso dagli incarichi" il dipendente, responsabile del settore agricoltura, appellandosi al regolamento che dichiara incompatibile con un ruolo nel sindacato qualsiasi candidatura, di destra o di sinistra.

Casa Pound risponde oggi con una nota in cui riprende parola per parola le diichiarazioni dello stesso candidato: "Ho deciso di candidarmi in un movimento legalmente riconosciuto che si presenta alle elezioni per governare, mediante un Diritto sancito e garantito dalla Costituzione italiana che la stessa Cisl, per statuto, difende. La Cisl, che dovrebbe essere un sindacato apolitico da statuto, si erge invece a censore antidemocratico cercando di negare la parola a chi, come CasaPound, difende i lavoratori italiani. Se il sindacato vorrà continuare su questa strada antidemocratica, tracciata peraltro con un dossier dell’antifascismo militante, dovrà prendersi le sue responsabilità anche a livello legale”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento