Case gratis alle giovani coppie in montagna: per ora posto per 4 famiglie a Luserna

Parte il "progetto pilota" per 4 famiglie, con o senza figli, in alloggi Itea vuoti

E' stata messa nero su bianco la promessa della Giunta Fugatti di concedere gratuitamente alcune case Itea, quindi di proprietà pubblica, a giovani coppie che intendono trasferirsi in montagna. Il progetto pilota interessa il territorio degli Altipiani Cimbri e, scrive la Giunta, punta a contrastare lo spopolamento attraverso l’insediamento di nuovi nuclei familiari. Per il futuro è già stata coinvolta Fondazione Demarchi per elaborare una metodologia per consentire la replica di questo modello su altri territori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ora quattro famiglie a Luserna

Per ora a Luserna ci sarà posto per 4 giovani famiglie, con o senza figli, che otterranno gratuitamente l'alloggio trasferendosi sull'Altopiano. Saranno selezionate grazie ad un bando in un progetto di co-housing studiato con i Comuni coinvolti. "L’iniziativa avrà un doppio effetto positivo: frenare il fenomeno dell’abbandono della montagna da parte delle nuove generazioni e far fronte alla diffusa difficoltà di reperire alloggi a prezzi sostenibili da parte delle giovani famiglie - ha commentato il residente Fugatti al momento della firma sulla convenzione - Se la montagna si spopola l’autonomia avrà perso una delle sue principali peculiarità, è in questi territori che ci sono le radici della nostra autonomia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus: si va verso la proroga fino al 30 aprile, arriva il "mini-reddito" anche per chi è in nero

Torna su
TrentoToday è in caricamento