Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica Centro storico / Piazza Dante

Stop ai concorsi per i dirigenti e direttori della Provincia

La disposizione ha effetto immediato per tutte le procedure concorsuali non ancora pubblicate, anche se già approvate dalla Giunta provinciale. Prorogati due incarichi: all'Appa e al servizio Semplificazione

La Giunta provinciale ha approvato un conchiuso, su proposta dell'assessore al personale, Mauro Gilmozzi, che prevede la temporanea sospensione della pubblicazione dei concorsi per l’accesso alla qualifica di dirigente e di direttore. La disposizione ha effetto immediato per tutte le procedure concorsuali non ancora pubblicate, anche se già approvate dalla Giunta provinciale. "Il processo di razionalizzazione delle attività della Provincia attualmente in corso e il conseguente accorpamento di alcune strutture ha comportato e potrebbe comportare per alcuni dirigenti o direttori la soppressione della struttura fino ad oggi diretta ha detto l'assessore Mauro Gilmozzi -. In questo contesto è apparso quindi necessario sospendere la pubblicazione di nuovi bandi di concorso per l’accesso a queste qualifiche, in quanto alcune strutture attualmente dirette da sostituti potrebbero essere assegnate in un prossimo futuro a chi risulta già titolare della qualifica".

Inoltre la Giunta ha deciso di confermare, prorogandoli, due incarichi dirigenziali: si tratta di strutture del gruppo omogeneo Amministrativo, ovvero l’Unità organizzativa affari giuridico-amministrativi dell'Appa e l'Ufficio per la semplificazione amministrativa del Servizio semplificazione amministrativa. Questo per mantenere l'assetto consolidato in questi mesi. L'unico modo per farlo era quello di approvare il bando per quegli incarichi dirigenziali, ma non attivarlo. E così è stato fatto.
 
"Sembra doveroso - sottolinea l'assessore - salvaguardare la professionalità di coloro che almeno per un anno hanno avuto la responsabilità di un ufficio o di un servizio, dimostrando spesso buone capacità nel dirigerli sia nelle specifiche attività che nella delicata gestione delle risorse umane. Dal momento che la legge provinciale detta precise disposizioni circa gli incarichi di sostituzione, indicando le diverse alternative possibili alla scadenza dell’anno, ritengo corretto nei confronti dei sostituti e coerente con la scelta di affidare loro l’incarico fatta a suo tempo dalla Giunta, di avviare l’iter procedurale attraverso l’approvazione del relativo bando di concorso, sospendendone tuttavia la pubblicazione. In questo modo l’incarico può legittimamente continuare nel tempo garantendo così tra l’altro continuità nella gestione operativa della struttura, senza tuttavia che questo precostituisca un vincolo per la Giunta, che sulla base di un’analisi organizzativa può decidere in ogni momento la preposizione all’ufficio o al servizio di un titolare già in possesso della qualifica". 
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai concorsi per i dirigenti e direttori della Provincia

TrentoToday è in caricamento