menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il consiglio regionale impugna la Manovra del governo

Dellai ha sottolineato che la decisione deriva "dal modo in cui è intervenuto lo Stato, senza tenere conto dello Statuto di autonomia"

Il consiglio regionale del Trentino Alto Adige ha deciso di impugnare la Manovra di settembre del governo, nei punti nei quali non prevede l'ancoraggio dell'Accordo di Milano, cioè il protocollo sottoscritto il 30 novembre 2009 da Trentino, Alto Adige ed i ministri Giulio Tremonti e Roberto Calderoli.

 
Si tratta, in linea teorica, di una sorta di garanzia di finanziamento all'autonomia speciale, ma anche una delega di competenze statali e - soprattutto - della compartecipazione della Provincia al risanamento del debito pubblico nazionale.
 
Ed è proprio quest'ultimo aspetto, cioè quanto il Trentino e l'Alto Adige devono al governo centrale secondo gli ultimi provvedimenti, ad aver fatto prendere la decisione.
 
Il presidente trentino Lorenzo Dellai ha sottolineato che la decisione deriva "dal modo in cui è intervenuto lo Stato, senza tenere conto dello Statuto di autonomia. ''Tutto ciò pur nella consapevolezza della necessità di contribuire al risanamento dell'economia dello Stato in questo momento di crisi". 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Attualità

L'estate 2021 tra distanziamento e mascherine: come sarà

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cucciolo di orso trovato morto sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento